Daniele Imperi

Daniele Imperi

Copywriter e Blogger
Web Marketing

Non abbandonare il tuo sito

Conosci i sintomi di un sito trascurato? Leggi come non deludere i tuoi clienti online e avere un sito sempre funzionante.

Pubblicato il 11/02/2016

Hai sentito il bisogno di farti realizzare il sito aziendale. Hai trovato una web agency affidabile e sei finalmente online. Per molti clienti è sufficiente questo per essere presenti nel web e trovare clienti.

In realtà, un sito aziendale va curato, va gestito in modo costante. Nessuna azienda trascura il proprio ufficio, come nessun commerciante trascura il proprio negozio. Siamo abituati a trovare uffici e negozi in ordine, puliti, con la merce esposta e sempre rinnovata e il personale disponibile.

Un sito non è assolutamente diverso: ha bisogno di cure come un ufficio e un negozio. Nessun cliente entrerebbe mai, né comprerebbe mai, in un negozio trascurato e polveroso, con merce vecchia e articoli mancanti. Per un sito il discorso è identico.

 

Quando un sito sembra abbandonato

Ci sono molti sintomi che fanno capire a un utente – e quindi a un potenziale cliente – che un sito aziendale è stato trascurato. Oggi gli utenti sono molto più esperti di un tempo e sanno riconoscere in pochi istanti se un sito – e quindi unʼazienda – può dar loro fiducia o meno.

  • Catalogo prodotti non aggiornato: capita spesso nei siti delle case editrici, ma questo problema si riscontra anche nei siti di altre aziende. È uscito un libro, è presente nelle librerie, anche in quelle online, ma nel catalogo del sito quel libro manca.
  • Pagine dei servizi con testi vecchi di anni: il copywriting di un sito non va mai sottovalutato. Leggendo un testo si possono riconoscere parole cadute in disuso o una scarsa ottimizzazione delle pagine. Ma capita anche che unʼazienda abbia rinnovato i propri servizi o che non ne offra più alcuni.
  • Dati aziendali non aggiornati: la società o il negozio ha cambiato zona, ma nel sito sono ancora riportati i vecchi dati.
  • Pagine non trovate: sono state cancellate o è stato modificato lʼurl e nessuno ha pensato a reindirizzare quelle pagine.
  • Articoli del blog che risalgono a mesi o anni fa: il blog è lʼelemento più evidente, perché gli articoli sono datati e leggere nel 2016 lʼultimo post risalente magari a marzo 2015 non fa una bella impressione.
  • Grafica sorpassata: è difficile crederci, ma esistono ancora siti con grafiche anni ʼ90. Il web design si evolve, si veste di nuove tendenze, abbraccia le ultime tecnologie e quindi va rinnovato periodicamente.
  • Piattaforma obsoleta: i siti in flash ormai sono passati di moda, ma soprattutto non sono mai stati accessibili né usabili. In più, oggi è nato il responsive web design, per adattare i siti a qualsiasi dispositivo mobile.
  • Immagini senza qualità: le immagini, specialmente le foto dei prodotti, devono essere professionali. Vedere immagini sgranate, mal posizionate nella pagina denota una scarsa attenzione verso i propri prodotti e servizi offerti.

 

Come usare il tuo sito e soddisfare il cliente

Saper usare il proprio sito significa far funzionare quel sito: un sito aziendale deve vendere, anche se non direttamente. È comunque lʼimmagine dellʼazienda, o del libero professionista, nel web.

Ma come va usato un sito? Cosa deve fare il cliente con il suo sito aziendale?

Il primo passo da seguire è contattare una web agency per avere unʼanalisi accurata dello stato del sito e capire cosa bisognerà cambiare. Forse il sito necessita di un restyling grafico, o strutturale o contenutistico. O bisogna adattarlo alla navigazione da cellulare. O va affiancato a un blog aziendale.

Ma alcune operazioni sono a carico del cliente. O comunque sono di sua diretta responsabilità.

  • Catalogo dei prodotti: lʼaggiornamento del catalogo di un sito di commercio elettronico è un lavoro periodico. Inizialmente è unʼagenzia web a creare il catalogo e a riempirlo con un certo numero di prodotti di partenza. Ma lʼinserimento di nuove schede prodotto è unʼoperazione semplice che può fare il cliente da sé, istruito dalla sua web agency.
  • Articoli del blog: per aggiornare un blog lʼazienda può scegliere un blogger che scriverà i post oppure un corso di formazione per imparare a gestire da sé il proprio blog aziendale e aggiornarlo periodicamente. In tutti e due i casi lʼazienda dovrà monitorare gli articoli del blog, rispondendo a eventuali commenti e condividendo i post sui suoi profili sociali.
  • Contatti dal sito: se sembra scontato, in realtà non lo è. Qual è un tempo accettabile per ricevere una risposta? Secondo noi una manciata di ore, al massimo 3 o 4, se si riceve lʼemail nelle ore lavorative. Ma oggi esistono i dispositivi mobili, quindi mi azzardo a dire che quel tempo massimo vale quasi a qualsiasi ora.

Non abbandonare il tuo sito. Abbandonarlo significa trascurare la tua attività lavorativa. Significa quindi non vendere, essere superati dalla concorrenza, perdere clienti.

CONDIVIDI SUI SOCIAL
Ueppy Blog

Leggi articoli correlati

Web Marketing

Il restyling contenutistico

La revisione dei contenuti fa parte dell'intero progetto di restyling del tuo sito. Leggi quando e perché devi pensare a un restyling dei contenuti del tuo sito aziendale.

Leggi l'articolo
Web Marketing

Quali contenuti devi pubblicare nel tuo sito aziendale?

Il concetto di contenuti efficaci per un sito aziendale: come affrontare la creazione dei contenuti in un sito per convincere i clienti ad acquistare prodotti e servizi.

Leggi l'articolo
Web Marketing

Siti internet a prezzi stracciati. Si può?

Un sito web professionale coinvolge varie figure professionali e richiede tempo e denaro. Per questo è bene rivolgersi ad una web agency.

Leggi l'articolo
Web Marketing

Le 4 novità social che cambieranno la tua strategia di web marketing turistico

I social network sono un mondo in continua evoluzione. Dove focalizzare la nostra attenzione?

Leggi l'articolo
Scopri Ueppy

Scopri Ueppy

un network di professionisti specializzati
nel web.

Scopri Ueppy
Contatta Ueppy
Contatta Ueppy VUOI COSTRUIRE UN NUOVO PROGETTO WEB?

Contatta Ueppy

Scrivici